Capitalizzazione del sapere e innovazione

INCONTRO CDM – UNIVERSITA’ DI PALERMO

 

CAPITALIZZAZIONE DEL SAPERE E INNOVAZIONE.

LE DIVERSE STRADE DEL SUCCESSO.

 

Assegnati nuovi riconoscimenti di “Cavaliere del Marketing”

 

Palazzo Steri, sede del Rettorato dell’Università di Palermo, ha ospitato venerdì 19 dicembre un’importante evento promosso dal Club Dirigenti Marketing e dall’Università di Palermo, primo atto ufficiale di una stretta collaborazione che si intende avviare tra il CDM e l’Ateneo palermitano.

Dopo le introduzioni e i saluti del Prof. Umberto La Commare. Professore ordinario della Facoltà di Ingegneria gestionale di Palermo, in rappresentanza del Rettore Prof. Roberto Lagalla, costretto ad assentarsi da Palermo, e del Presidente del Club Dirigenti Marketing Alessandro La Monica, hanno svolto le loro relazioni sul tema dell’incontro lo stesso Umberto La Commare e Salvatore Limuti, Past President del Club Dirigenti Marketing e A.D. della Marketing Management.

Con diverse focalizzazioni i due relatori hanno sottolineato l’importanza delle conoscenze acquisite, se coniugate con importanti processi innovativi, in uno scenario caratterizzato da accentuata competitività, sollecitata da un regime di globalizzazione dei mercati. Occorrono strumenti e strategie mirate per competere all’interno e al di fuori del mercato nazionale, supportate da figure professionali che non sempre si individuano all’interno delle aziende del sud.

Al termine delle due relazioni, sono stati nominati dal Presidente La Monica i nuovi “Cavaliere del Marketing”, un riconoscimento istituito nel 2010 dal Club Dirigenti Marketing, destinato a Manager che si sono particolarmente distinti per capacità innovative e successi imprenditoriali.

Hanno ottenuto questo riconoscimento e hanno brevemente illustrato le loro performance aziendali:

 

Tommaso Dragotto che ha creato nel 1963 la Sicily by Car S.p.A. – marchio Auto Europa Autonoleggio – che in pochi anni è diventata una realtà di spicco nel settore dell’autonoleggio.

Ha dimostrato fin dai primi anni dell’attività della sua azienda, di saper leggere con velocità l’evoluzione del mercato, ispirandosi al principio della flessibilità, fattore sempre più importante per i clienti.

Hanno riscosso particolare successo i servizi “Park and Fly” negli aeroporti, il noleggio di furgoni in tutta Italia, oltre al noleggio con autista nella città di Palermo.

Le offerte Sicily by Car vengono promosse attraverso il web , gli aeroporti  e la carta stampata.

 

Riccardo D’Angelo che ha costituito nel 1995 Edisonweb, nella convinzione che un giorno Internet sarebbe stato il sistema operativo globale, dove fondare le nuove relazioni tra persone, cose e aziende.

Attualmente Edisonweb sviluppa Web Signage, un’applicazione che rappresenta la più avveniristica frontiera del Digital Signage e del Marketing di Prossimità, poiché è in grado di visualizzare su totem e display interattivi, ma anche a bordo dei mezzi, informazioni mirate in base al profilo della persona, delle condizioni meteo del momento o della posizione.

Edisonweb si segnala per una spiccata progettualità, immediato problem solving  e gestione di team di sviluppo attraverso metodologie agili e secondo processi di qualità certificati.

 

Alessio Planeta che ha dimostrato con le sue scelte che la crisi può generare opportunità che vanno colte. Consapevole dell’evoluzione degli stili di consumo, ha saputo assecondare la curiosità dei consumatori, gestendo bene nel contempo il fenomeno dell’infedeltà con adeguate strategie di comunicazione, congeniali al settore dei vini.

Una gestione “saggia” che, seguendo i successi di prestigiose cantine venete, ha capitalizzato esperienze storiche, dimostrando  che è possibile sviluppare le attività, tenendo salda la coesione di un gruppo familiare.

Sono storie di successi in tutte le fasce di prezzi, alle quali Alessio Planeta ha iniziato ad ispirarsi, per mantenere e consolidare la condizione di un’azienda protagonista nella produzione vinicola siciliana.

 

 

Ugo Parodi Giusino che è alla guida di Mosaicoon s.r.l., fondata nel 2010 ed ora con sedi a Londra, Milano, Roma e Mondello (Pa), l’unica realtà nel mercato che si occupa di produzione, distribuzione  e tracciamento di contenuti video, gestendo l’intera filiera strategica e creativa per trasformare un brand in una Media Company.

Mosaicoon opera su scala internazionale attraverso un innovativo sistema di comunicazione integrato, basato su tre piattaforme proprietarie: “Creativity”, per l’ideazione e la produzione di progetti creativi e video virali in crowdsourcing,  “Plavid”, il network multicanale per la distribuzione online di contenuti brandizzati con oltre 800 milioni di utenti in tutto il mondo, e “Tracking”, un avanzato strumento di monitoraggio in tempo reale della performance delle campagne online.

 

Effettuate le quattro designazioni, ha preso l’iniziativa il Presidente CDM La Monica che a nome degli altri componenti del Consiglio direttivo del Club, ha voluto attribuire identico riconoscimento al Past President del CDM Salvatore Limuti, per i brillanti risultati ottenuti dalla sua azienda di ricerche di mercato e sondaggi di opinione, la Marketing Management s.r.l., ma soprattutto per la sua vita interamente vissuta nell’area del marketing, che l’ha visto sovente nei panni di docente in corsi dedicati a questa disciplina.

Nuove idee per affrontare il cambio

INTERVENTO DEL CLUB DIRIGENTI MARKETING ALLE GIORNATE DELL’ECONOMIA

 

“NUOVE IDEE PER AFFRONTARE IL CAMBIO”

Da padre a figlio, uno dei momenti più a rischio per le imprese

 

La Fondazione Curella ha assegnato al Club Dirigenti Marketing una sezione delle sue “Giornate dell’Economia”. L’intervento è avvenuto il 4 dicembre 2014, alle ore 16,30, a Palazzo Ziino di Palermo.

Ha tenuto la relazione il Past President del Club  e A.D. della Marketing Management s.r.l., Salvatore Limuti, che ha affrontato il delicato tema del cambio generazionale nelle aziende.

“Il passaggio generazionale – ha detto Limuti – ha implicato sempre molti problemi. L’elemento che più contribuisce alla sua complessità, è nella struttura patrimoniale delle aziende italiane.

Prevalgono infatti le ditte individuali e le società di persone, mentre per l’80% le s.r.l. e le s.p.a. sono nella realtà aziende familiari, per cui la società ha il più delle volte la funzione di separare il capitale sociale dal patrimonio familiare. E’ già questo un freno al naturale ricambio generazionale, che invece dovrebbe essere un fattore strategico di sviluppo. In Sicilia questo problema è più accentuato poiché la quota di capitale destinata alle aziende è molto più contenuta e la base societaria  è estremamente concentrata in pochi soggetti, in genere nel capostipite. Il passaggio generazionale può avvenire a seguito della maturazione del processo di accumulo economico, cioè quando si raggiunge il massimo della capitalizzazione e al sopraggiungere dell’età anagrafica del fondatore, che obbliga il passaggio più o meno graduale della conduzione aziendale. Negli ultimi 20 anni si è vista abbassare l’età anagrafica del passaggio, per effetto dell’incalzante innovazione tecnologica, che trova nella nuova generazione una maggiore facilità di gestione.

Infine, più recentemente si è velocizzato il passaggio generazionale, sotto la spinta della globalizzazione e della informatizzazione, per la maggiore importanza strategica della conoscenza.

Anche in Sicilia sono così nate ex novo o derivate da spin-off  di aziende familiari o delle Università, società di servizi estremamente innovative. In queste nuove forme di impresa, apparentemente più liquide, la massa di investimento strutturale è inferiore, in quanto non destinata a immobili o impianti industriali. Nel contempo il suo impiego è sempre più rapido e mirato. E’ chiaro come risulti difficile valutare la opportunità e i rischi di iniziative imprenditoriali molto più focalizzate sulle idee anziché sugli impianti produttivi. Ecco che il ricambio generazionale con le nuove aziende ad alto contenuto di innovazione, richiede l’utilizzo di strumenti finanziari che velocizzino l’attivazione di progetti che hanno come finalità idee e sistemi innovativi.

L’isola vive attualmente le contraddizioni del sistema, così molte delle aziende storiche sono fallite, come ad esempio Birra Messina e Pastificio Tomasello, mentre la più grande Averna è stata acquisita dal Gruppo Campari. Sopravvivono quelle in cui la nuova generazione ha difeso e rilanciato i risultati pregressi, vedi Dolfin, Condorelli, Barbera, Torrisi, Morettino, Planeta, Rallo e altri generalmente espressione dell’agricoltura tradizionale e moderna. Nascono società sull’innovazione, come Edisonweb e Mosaicoon.

Poiché il processo di accumulo si è arrestato (anche grazie al sistema fiscale), il passaggio generazionale e la nascita di nuove imprese dipenderanno sempre più dalla qualità delle idee e da più moderni sistemi di finanziamento.



 

Atti convegno "Il marketing professionale: dalla teoria alla pratica - Internazionalizzazione"

 

Per scaricare gli atti clicca qui

Il cambiamento nella politica, di contenuto e di forma

Lunedì 11 Novembre 2013 alle ore 10.30 si terrà a Palermo il forum sul tema "Il cambiamento nella politica, di contenuto e di forma".

Palazzo Brunaccini - piazzetta Lucrezia Brunaccini, 9 Palermo

download invito

visualizza presentazione

Scenari e soluzioni per la crisi dell'auto in Sicilia

Mercoledì 10 aprile , alle ore 16,00 nella sala convegni di Confindustria Sicilia, in Via A. Volta – Palermo, si svolgerà il convegno sul tema “Scenari e soluzioni per la crisi dell'auto in Sicilia”.

download invito

Ascolta l'audio

Scarica gli atti del convegno

Intervento Alfonso Castellano Direttore di ricerca

Intervento Giuseppe Siino Analista dei mercati e delle previsioni

Intervento Alessandro Flaccomio Agente Generale Assicurazioni

Intervento Francesco Sabatucci Web Analyst & Marketer

Intervento Alessandra Coco  Esperta di Marketing, CRM e telemarketing

Convegno sui media

 

Il 9 novembre, alle ore 16,00 nella sala convegni di Confindustria Sicilia, in Via A. Volta – Palermo, si è svolto il convegno sul tema “Nuove strategie e media in periodo di crisi”, che ha affrontato il delicato tema dei nuovi orizzonti della comunicazione pubblicitaria, in un momento di congiuntura economica sfavorevole e in seguito all’avvento dei new media accanto a quelli tradizionali.

Come operare fuori dalle mura

Il Convegno, promosso dal Club Dirigenti Marketing e dalla Facoltà di Economia di Catania ha affrontato il tema delle strategie e delle politiche aziendali per la conquista di mercati esteri, si è svolto martedì 24 aprile nell’Aula Magna della Facoltà di Economia di Catania.

Particolarmente numerosa la presenza di giovani, tra i quali molti dei partecipanti al Master della Facoltà di Economia di Catania

Scopo del convegno era quello di affermare che, oggi più che mai, i mercati esteri offrono prospettive e opportunità economiche interessanti. Al fine di cogliere queste opportunità, le aziende siciliane possono trovare utile la conoscenza di alcune evidenze empiriche e costruire adeguate strategie finanziarie per l’accesso ai mercati esteri, utilizzare gli strumenti bancari più opportuni, studiare i mercati prescelti per pianificare e vendere i propri prodotti, preoccupandosi anche di creare una buona relazione con i clienti esteri.

I lavori sono stati introdotti da Francesco Garraffo, Docente di Marketing internazionale presso la Facoltà di Economia di Catania, che ha affrontato il tema “Internazionalizzazione delle PMI siciliane: alcune evidenze empiriche”. Ha parlato subito dopo Carmine Spina, Direttore Generale NTET S.p.A., che si è soffermato sugli “Investimenti diretti esteri nei mercati emergenti”. Nel terzo intervento Giuseppe Mormino, Direttore Commerciale Banco di Sicilia Unicredit – Catania, ha descritto il ruolo della “banca a supporto

dell’internazionalizzazione delle PMI”. Maurizio Ghiori, A. D. Cantine Calatrasi S.p.A., ha illustrato le “Strategie finanziarie per i mercati esteri”. Ghiori ha segnalato in premessa un fascicolo redatto da Intesa San Paolo che riassume e descrive tutti gli strumenti finanziari, suddivisi per categoria di intervento e per istituto/ente erogante. Da parte sua, Giuseppe Urso, Titolare Agenzia Urso Pubblicità & Marketing, ha esposto esempi pratici di come “Pianificare e vendere all’estero”. Ha concluso i lavori Salvatore Limuti, Presidente del Club Dirigenti Marketing, indicando “Come creare una relazione con i clienti esteri”.

ShoppingASEhandelAS ErhvervIndexDKServiceIndexDK